Visitare la Calabria

La Calabria è la “punta dello stivale” e anche per la sua posizione strategica tra Mar Tirreno e Mar Ionio è una regione ricca di storia. Nei secoli, numerosi popoli tra cui greci, romani, normanni, bizantini e aragonesi, l’hanno abitata lasciando un patrimonio storico e culturale che fa esclamare: ”quanti sono i posti da visitare in Calabria!”.

Il paesaggio calabro alterna vere e proprie catene montuose ad aree collinari e diventa mozzafiato quando le vette incontrano il mare della costa ionica e della costa tirrenica. L’altopiano della Sila, anche parco nazionale, è tra i 5 più grandi d’Italia e ospita scorci incontaminati di montagna e piccoli paesi dove si respira “il profumo di una volta”.

Il Parco Nazionale della Sila, che si trova vicino Catanzaro, è caratterizzato da alberi alti fino a 45 metri radicati in questa zona da più di 350 anni. Tra larici e faggi questo parco, che ricorda la montagna anche in piena estate, offre molte attività ai più avventurosi: da percorsi di trekking fino a canyoning e birdwatching.

Il blu profondo del mare che sfuma verso le tinte cristalline vicino la costa della Calabria rende famose località come Tropea, soprannominata la perla del Tirreno. E per chi desidera abbandonarsi a sole e salsedine meritano una visita anche le località balneari Scilla e Capo Rizzuto. Quest’ultima cittadina, con le sue spiagge larghe e sabbiose, è perfetta per tutta la famiglia, bambini compresi.

Al museo archeologico nazionale di Reggio Calabria si trovano i famosi bronzi di Riace, risalenti al V secolo a.C. Queste due statue raffiguranti due divinità greche, sono state scoperte negli anni ‘70 da un fotografo amatoriale (Stefano Mariottini) nelle profondità del Mar Ionio. Una scoperta più unica che rara, che tutti gli amanti di immersioni e snorkelling farebbero di tutto per ripetere.

Il fiore all’occhiello della regione Calabria, tappa immancabile anche dei viaggi toccata e fuga è il parco archeologico di Scolacium, vicino Catanzaro. Qui si può passeggiare tra i resti del villaggio preromano di Skilletion tra strade lastricate, l’acquedotto, gli impianti termali e l’anfiteatro.

Questa terra nel cuore del Mediterraneo è anche ricordata per le sue prelibatezze. Dal Caciocavallo silano alla cipolla rossa di Tropea fino alle note piccanti della ‘nduja e del peperoncino. Profumi e sapori inebrianti continuano con il bergamotto e la liquirizia, tipici della regione.

Non è stato trovato nulla.