Se vuoi andare in Giordania, cosa vedere, cosa fare e come prepararti sono informazioni necessarie per goderti appieno questo bellissimo paese. Storia, fascino, cultura, cibo e tradizioni millenarie faranno da sfondo alla tua vacanza.

La Giordania è raggiunta dalla compagnia di bandiera Royal Jordanian Airlines e dalle principali compagnie straniere con tre aeroporti principali:

  • Queen Alia International Airport (QAIA), quello principale, a circa 30-40 minuti in auto dal centro, da cui è possibile prendere uno dei tanti servizi di autobus o un taxi.
  • Amman Civil Airport, noto anche come Marka International Airport, che opera prevalentemente voli charter per destinazioni vicine in Medio Oriente e voli interni per Aqaba.
  • King Hussein International Airport (KHIA) ad Aqaba, che dista circa 45 minuti di volo dagli altri aeroporti di Amman.

Se ti trovi già in Egitto, potresti raggiungere la Giordania anche via mare dal porto egiziano di Nuweiba, tramite traghetto (più lento) o aliscafo (per il quale però non ci sono orari fissi per le partenze).

Petra, Amman

Cosa vedere in Giordania

Andare in Giordania vuol dire scoprire luoghi incantati, con uno straordinario patrimonio storico-archeologico, in un contesto naturalistico tra i più spettacolari e affascinanti del mondo: il deserto. Tradizioni millenarie, scorci indimenticabili e spiagge sabbiose incantevoli rendono questo Paese un luogo perfetto per chi cerca un’esperienza oltre a un viaggio, qualsiasi sia il tempo a propria disposizione.

Cosa vedere in Giordania in 3 giorni

Avendo a disposizione poco tempo per visitarla, per vedere la Giordania in 3 giorni bisogna scegliere a cosa dare la priorità. Un’idea di itinerario potrebbe essere questa.

Giorno 1 – Wadi Rum: il deserto rosso della Giordania merita un’intera giornata di esplorazione. Se la mattina serve per organizzarsi, raggiungere il Wadi Rum Visitor Center, tappa obbligatoria per pagare l’ingresso nel deserto o far validare il Jordan Pass, il pomeriggio può essere dedicato a un tour su un 4×4 per vedere il Little Bridge, le incisioni rupestri, la casa di Lawrence d’Arabia, Jebel Burdah e Burdah Bridge, la duna rossa, Khazali Canyon, Um Frouth Rock Bridge. Per terminare la giornata, quale modo migliore di un pernottamento in tenda intorno al fuoco?

Giorno 2 – Petra, Amman: Wadi Musa è il punto di acceso per visitare il sito archeologico di Petra attraverso la Strada dei Re, una strada panoramica che ha più di 5000 anni. Per visitarla tutta, ci vorrebbe un’altra giornata, ma se hai poco tempo a disposizione puoi andare al Monastero Ad-Deir passando dal Tesoro, in circa 5 ore. Al pomeriggio, puoi fare tappa ad Amman, la capitale della Giordania, una città enorme ma molto interessante.

Giorno 3 – Castello di Ajlun, Jerash, Amman: il Castello di Ajlun in Giordania è una delle più importanti roccaforti militari della Terra Santa, un vero capolavoro dell’architettura islamica medievale. Jerash, invece, è uno tra i siti romani meglio conservati, un vero e proprio museo a cielo aperto. Per vedere sito, museo e il suk all’entrata servono circa due ore e mezzo. A concludere la giornata, un giro ad Amman, attraverso la Cittadella, simbolo della città, dove si trovano resti e rovine provenienti fin dall’età del bronzo e l’Anfiteatro Romano.

Wadi Rum, il deserto rosso

Cosa vedere in Giordania in 5 giorni

Con 5 giorni a disposizione per vedere la Giordania, è possibile prendersi del tempo anche per un po’ di relax.

Puoi anche valutare di prendere un volo che non arrivi troppo presto, così da rilassarti nelle acque del Mar Morto al tuo arrivo. Il pomeriggio e la serata possono essere dedicati a Wadi Musa, un villaggio sorto intorno a Petra che ospita alberghi, ristoranti e negozi.

Data la sua vicinanza all’importante sito archeologico, il secondo giorno puoi dedicarlo ad una visita a Petra, almeno fino al pranzo, così da raggiungere, nel pomeriggio, il porto di Aqaba, dove passare la serata all’insegna del divertimento, gustando il pescato del giorno e ascoltando la musica del tradizionale Simsimiya, un antico strumento popolare tra la gente del Mar Rosso.

Il terzo giorno, rimanendo ad Aqaba, perché non approfittarne per un po’ di relax tra le sue vaste spiagge di sabbia e le barriere coralline in un mare da bandiera blu? Del resto, la città è un vero paradiso per gli amanti delle attività subacquee ma è nota anche per le sue numerose Spa.

Per assaporare un po’ di avventura, il quarto giorno ti aspetta il deserto di Wadi Rum, che puoi esplorare in 4×4, per cenare poi in compagnia dei beduini e dormire sotto le stelle per un’esperienza magica.

Il quinto giorno, a seconda dell’orario del volo di ritorno, potresti visitare Jerash, una delle più antiche città della Giordania e Amman, la capitale.

Mar Morto, Giordania

Cosa vedere in Giordania in 7 giorni

In una settimana è possibile visitare le zone più belle della Giordania, godendosi un po’ di relax e partendo all’avventura attraverso il deserto.

Se il volo di andata ti farà arrivare in Giordania abbastanza presto, potrai cominciare la tua vacanza con una visita al Monte Nebo, dove si dice che Mosè abbia avvistato la Terra Promessa. Da qui, puoi raggiungere una strada a tornanti che ti porterà nel punto più basso della Terra, il Mar Morto. A quel punto, è ora di un po’ di relax a galla in compagnia del silenzio circostante, prima di terminare il primo giorno in un campo tendato immerso nel silenzio e nella pace assoluta.

Il secondo e il terzo giorno puoi partire all’avventura verso Dana, un piccolo villaggio in pietra che puoi raggiungere percorrendo o la Desert Highway (più veloce) oppure la più panoramica Strada dei Re, per ammirare scorci panoramici e luoghi storici, come il castello di Karak. A seguire, merita una visita Piccola Petra (Siq al-Barid), un piccolo sito ricco di bancarelle per cenare e dormire a Wadi Musa. Il terzo giorno ti aspetterà Petra, fino alla facciata del Tesoro, la Strada delle Facciate e il Teatro.

Il quarto giorno puoi approfittare di un tour nel deserto del Wadi Rum attraverso un pick up o una 4×4, che può prolungarsi anche al quinto giorno, prenotando la tenda in cui trascorrere la notte.

Il quinto giorno Aqaba ti aspetta per un po’ di relax, magari in un resort affacciato sul Mar Rosso e qui puoi soggiornare per i giorni che desideri.

Gli ultimi giorni puoi dedicarli a visitare Wadi Mujib, un fiume tra un canyon che si getta nel Mar Morto, e per percorrere uno dei tanti percorsi a disposizione come il Siq Trail, un tour di risalita nel canyon o la cittadina di Madaba, famosa per i mosaici.

Cosa vedere in Giordania in 10 giorni

Con 10 giorni di vacanza a disposizione, la Giordania offre molti luoghi incantati da visitare. Oltre ai punti di interesse di cui abbiamo parlato nell’itinerario di 7 giorni, si aggiungono:

  • Ajlun, una piccola città nei pressi del Parco Nazionale di Dibbin, meno turistica ma per questo più autentica, famosa per il castello che controllava il traffico lungo la strada tra Damasco ed Egitto.
  • Umm Qais, l’unica regione verde di questo paese, dove visitare quello che rimane delle antiche rovine romane.
  • Wadi Mujib, un fiume che termina nel Mar Morto dove si possono fare arrampicate e rafting.

Castello di Ajlun, Jerash, Amman

Cosa fare in Giordania

Vuoi sapere cosa fare in Giordania? In questo Paese le attività sono infinite: non si tratta solo di visitare la bellissima Petra o esplorare il deserto, qui qualunque tipo di viaggiatore può trovare qualcosa di indimenticabile da fare. Ecco alcune idee.

La Riserva della Biosfera di Dana, un incantevole villaggio in pietra del XV secolo arroccato su un precipizio che dà sulla vallata sottostante, è la più grande della Giordania. Qui il terreno prendo colori e forme diversi, dalle falesie di arenaria che superano i 1.700 m di altezza a una depressione che raggiunge i 50 m sotto il livello del mare nel Wadi Araba. Fare trekking nella Riserva di Dana ti permette di ammirare circa 600 specie di piante, 180 specie di uccelli e più di 45 specie di mammiferi.

Cerchi avventura e ti piacciono le 4 ruote? Allora non puoi perderti un’escursione in jeep nel Wadi Rum, il deserto rosso della Giordania. È possibile scegliere di visitare il Wadi Rum in giornata oppure di trascorrere una notte in un accampamento beduino. Puoi vedere ponti di pietra alti fino a 35 metri, iscrizioni talmudiche e disegni incisi nella roccia, canyon e dune di sabbia, aggiungendo anche attività extra come la passeggiata in dromedario, l’arrampicata su roccia, un volo in mongolfiera o in ultraleggero.

Se durante la tua vacanza non puoi fare a meno di un po’ di relax, allora goditi un bagno nelle sorgenti termali di Ma’in, dove l’aria si fa più fresca e dal verde fondovalle si alzano palme rigogliose. Queste cascate e sorgenti termali naturali si formano grazie alle piogge invernali degli altopiani della Giordania e raggiungono temperature superiori ai 45°C.

Voglia di mare? Prova a galleggiare sul Mar Morto, il punto più basso della Terra. Si trova infatti a oltre 430 metri sotto il livello del mare e non permette l’immersione in profondità. La sua elevata salinità, infatti, fa tornare subito in superficie (ed è molto doloroso per gli occhi). Meglio stendersi, rilassarsi e galleggiare, spalmando un po’ di fango del Mar Morto, ricco di sali minerali, sul corpo.

Altre cose da sapere prima di visitare la Giordania

Prima di partire è utile sapere quando visitare la Giordania: il clima varia a seconda delle altitudini e delle regioni in cui vuoi andare. Solo per fare un esempio, Amman si trova in un punto abbastanza elevato quindi in inverno può cadere la neve e le temperature scendere di poco sotto lo 0° C.

Tuttavia, in generale il clima in questo Paese è temperato arido, con inverni abbastanza rigidi ma umidi ed estati molto calde e secche. Il clima rimane arido nella zona di sud-ovest, quindi le temperature giornaliere subiscono forti sbalzi lungo una stessa giornata.

Il periodo migliore per andare in Giordania è la mezza stagione, quindi la primavera (aprile-maggio) e l’autunno (settembre-ottobre). In questi mesi, infatti, le temperature sono gradevoli, l’umidità non è eccessiva e anche le precipitazioni molto scarse.

Potrebbe interessarti anche

Terme naturali in Italia: le migliori sorgenti termali libere e gratuite della penisola

Le migliori terme naturali d’Italia e non solo: scopri i…

Migliori parchi divertimento in Italia

Quali sono i migliori parchi divertimento italiani? Scopri…

Le 10 terme più belle d’Italia

Le migliori terme naturali d’Italia e non solo: scopri i…