Visitare Parma con i bambini significa andare alla ricerca di arte e cultura, ma anche di attività 100% kids friendly e di prelibatezze in grado di mettere d’accordo il palato di grandi e piccoli turisti. 

A misura d’uomo e vivace, Parma è una città che si lascia esplorare a piedi e che si presta per tour lenti ed entusiasmanti tra piazze, vicoli, musei e ampi spazi verdi. Sono molte le esperienze che mamme e papà possono condividere con i loro piccoli viaggiatori, per soddisfare la loro voglia di imparare divertendosi in compagnia di fratellini e genitori.

Quindi, cosa fare a Parma con i bambini durante una gita o un weekend fuori porta?

10 cose da fare a Parma con i bambini

Percorrere la navata del Duomo di Parma

Il Duomo di Parma è una chiesa che offre ai visitatori un aspetto esterno abbastanza austero, con interni riccamente decorati capaci di stupire. Le pareti della Cattedrale di Santa Maria Assunta, consacrata nel 1106, sono state infatti completamente affrescate durante il XVI secolo e sorprendono i visitatori con esplosioni di luci e colori.

Anche i bambini restano affascinati da questo splendore e non possono che percorrere le navate della chiesa con il naso all’insù, fino ad arrivare ad ammirare la cupola del Duomo interamente affrescata da Antonio Allegri, detto il Correggio, con l’Assunzione della Vergine.

Osservare il Battistero e il suo Zooforo

Appena fuori dal Duomo, merita una visita anche il Battistero, decorato da Benedetto Antelami e anch’esso stupefacente per la ricchezza delle decorazioni. Ai bambini non può sfuggire ad esempio lo Zooforo, una serie di 75 formelle poste ad anello a circondare la costruzione e che rappresenta animali, mostri e curiose figure mitologiche.

Lasciarsi stuzzicare dal Castello dei Burattini

È sempre nel centro storico della città il Castello dei Burattini, un luogo fatato perfetto da visitare con i più piccoli, che ospita una collezione di marionette e burattini appartenute a Giordano Ferrari, celebre burattinaio parmigiano che le ha raccolte e conservate magistralmente nei suoi 60 anni di attività.

All’interno sono ospitati pezzi da collezione e manufatti unici nel loro genere, che rappresentano un’infinità di personaggi, dalle maschere più tradizionali ai più originali personaggi di fantasia. Un museo alternativo e coinvolgente, che non manca mai di stuzzicare la curiosità dei bambini.

Immergersi nella natura dell’antico Orto Botanico

E poi, cosa vedere a Parma con bambini? L’Orto Botanico di Parma, una vera oasi di verde e di quiete nel bel mezzo della città. Facile da raggiungere, in quanto si trova proprio nel nucleo storico parmigiano, ha una superficie di circa 11.000 metri quadrati e si rivela una meta perfetta nelle belle giornate, per sostare nella natura e godersi del puro relax.

Il progetto si propone di essere un luogo di studio, raccolta e classificazione delle più importanti specie vegetali, ma si fa anche meta di divulgazione, di ricerca e di cultura aperta a chiunque abbia voglia di fare un’immersione nell’affascinante mondo delle piante. Gli esemplari qui conservati provengono da tutto il mondo e invitano alla scoperta in modo coinvolgente.

Castello-dei-Burattini-Parma
Castello dei Burattini

Scoprire i Musei di Parma per i bambini

Tra le chicche vegetali dell’Orto si trova l’ingresso del Museo di Storia Naturale di Parma: sono due in realtà i poli del museo, uno presso il palazzo universitario della città e uno proprio presso l’Orto Botanico. È possibile qui andare alla scoperta di fossili, collezioni zoologiche ed etnografiche e raccolte di illustri naturalisti. Non mancano laboratori e attività didattiche che puntano ad avvicinare i bambini alla cultura in modo divertente.

Imperdibili sono anche la Casa della Musica e il Museo del Suono. La prima illustra la storia del teatro d’opera attraverso immagini e documenti che ne raccontano l’evoluzione (e la fanno ovviamente anche ascoltare). A poca distanza invece la Casa del Suono svela lo sviluppo dei sistemi di riproduzione dei suoni, dagli antichi grammofoni, ai giradischi ai lettori CD: un bellissimo tuffo nel passato per chi è nato nell’epoca del digitale.

È poi il Palazzo della Pilotta, edificio risalente al XVI secolo, a essere oggi tra le sedi culturali più importanti dell’intera città. Qui si trovano infatti sia il Museo Archeologico, che ospita reperti storici come antichi sarcofagi e testimonianze dall’antica epoca romana, che anche la Galleria Nazionale, custode di opere di artisti quali Correggio e il Parmigianino. Sempre da qui si accede anche allo splendido Teatro Farnese, inaugurato nel 1628 e realizzato completamente in legno: letteralmente mozzafiato.

Ammirare le statue parlanti del Talking Teens

Le Talking Teens sono vere e proprie statue parlanti e sono senza dubbio tra le opere della città più amate dai bambini. Di cosa si tratta? Di quindici statue parte di un progetto di valorizzazione culturale della città che interagiscono con i turisti in modo molto particolare.

È infatti possibile ricevere una telefonata proprio dalle opere, utilizzando le più moderne tecnologie: è possibile infatti parlare con le statue sia digitando un numero di telefono, che usando un’apposita app, che scansionando un QR code. Le statue conoscono diverse lingue, ma cos’avranno da dire? Lo si può scoprire solo andando a conoscerle tutte una dopo l’altra!

Giocare e divertirsi al Parco Ducale

Nei pressi del torrente Parma che attraversa la città si trova l’ampio Parco Ducale, un altro dei punti verdi della città e meta perfetta per qualche ora di full immersion nella natura.

Nei 208.700 metri quadrati di questo parco storico i bambini possono giocare in piena sicurezza o ammirare il piccolo laghetto popolato da simpatiche tartarughe. Imperdibili qui i “grilli”: biciclette senza pedali che si muovono semplicemente grazie alla pressione delle gambe e che si possono noleggiare per un tour alternativo tra i grandi viali del parco.

Assaggiare il Parmigiano Reggiano e il prosciutto crudo di Parma

Parlando di Parma non si possono non menzionare i suoi prodotti gastronomici tradizionali: il Parmigiano Reggiano e il Prosciutto crudo di Parma, prelibatezze conosciute e apprezzate in ogni parte del mondo.

Sono molti i caseifici sparsi per la provincia che aprono le porte e consentono di scoprire i segreti della produzione di uno dei formaggi Made in Italy più amati.

A Soragna, fuori Parma, c’è anche il Museo del Parmigiano Reggiano, interamente dedicato a questa leccornia. Non mancano nemmeno i salumifici che portano nei dietro le quinte della nascita del Crudo di Parma.

Prosciutto-crudo-Parma
Prosciutto crudo

Lasciarsi conquistare dal fascino del labirinto della Masone

Forse non tutti sanno che il labirinto più grande del mondo si trova proprio in provincia di Parma, precisamente nella località di Fontanellato. Si tratta di un dedalo con un percorso di circa tre chilometri, interamente costruito in bambù che ha una pianta a stella e ricopre oltre sette ettari di terreno.

È stato progettato da Franco Maria Ricci e rappresenta un’idea originale per trascorrere una giornata in famiglia all’insegna dell’avventura. Per i bimbi attraversare un labirinto è sempre un’esperienza adrenalinica e anche gli adulti qui tornano irrimediabilmente bambini. Il labirinto inoltre fa parte del circuito dei Castelli del Ducato di Parma e Piacenza.

Visitare i castelli del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli

Cosa vedere a Parma e dintorni con i bambini? Ovviamente qualche suggestivo e imponente castello! Sono molte le antiche fortezze, i manieri e le rocche che fanno parte del circuito dei Castelli del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli.

Qui, i più piccoli possono vedersi catapultati indietro nel tempo, tra leggende, principesse e prodi cavalieri: mentre gli adulti fanno un interessante bagno di cultura, i più piccini possono volare con la fantasia e apprendere come si viveva, secoli fa, in questi luoghi oggi così fiabeschi.

Potrebbe interessarti anche

Migliori parchi divertimento in Italia

Quali sono i migliori parchi divertimento italiani? Scopri…

Visitare Ferrara con i bambini

Scopri cosa fare a Ferrara con i bambini, per rendere la…

Guida ai castelli più belli d’Italia

Nord, Centro o Sud: dove si trovano i castelli più belli…