Hai voglia di trascorrere le tue vacanze a Zanzibar? Come potrebbe essere altrimenti: sapevi che ha alcune delle migliori spiagge di sabbia bianca del mondo? Qui è caldo tutto l’anno, con temperature che non scendono mai sotto i 20° e un vero paradiso di relax. Se però cerchi l’avventura, a Zanzibar troverai anche quella. Ecco tutto quello che devi sapere per le tue prossime vacanze a Zanzibar!

Nungwi Beach, Zanzibar

Zanzibar: un angolo di paradiso al largo della Tanzania

Spiagge bianche e incantevoli, mari cristallini e città antichissime: Zanzibar è un paese del sud est dell’Africa, nell’Oceano Indiano, a poca distanza dalle coste della Tanzania, una meta molto amata dai turisti.

Del resto, si tratta di una meta incredibile: colorata, giovane, vivace, profumata, Zanzibar accoglie con gentilezza coloro che la visitano offrendo tutto il suo cuore. Un luogo perfetto per una fuga invernale al caldo, dove le spiagge, tra le più belle del mondo, incontrano la natura più selvatica delle foreste e le riserve naturali conservano tesori inestimabili.

È anche una destinazione perfetta per i più avventurosi, con le escursioni in mare o nelle foreste e le visite alle città antiche. Una località perfetta per tutti, anche i bambini!

Quando andare a Zanzibar?

Anche se a Zanzibar c’è il sole tutto l’anno, con temperature che non scendono mai sotto i 20°, ci sono dei periodi più adatti per visitarla. I mesi invernali da giugno ad ottobre sono i più secchi ed il caldo è meno aggressivo, ma volendo ci si può godere una vacanza stesi al sole anche durante l’inverno italiano, nei mesi di gennaio e febbraio, con temperature più alte, che si avvicinano ai 30°C e piogge che scarseggiano.
Da evitare i mesi di marzo, aprile e maggio quando si scatenano le forti piogge tropicali.

Isola delle tartarughe, Zanzibar

Cosa fare e vedere in vacanza a Zanzibar?

Nella sua capitale, chiamata “Stone Town“, patrimonio mondiale dell’UNESCO, si trovano meravigliose foreste, il Forte Arabo e la casa di nascita del leader dei Queen Freddie Mercury.

Oltre alle due isole principali di Zanzibar, Unguja e Pemba, ci sono anche tante isole vicino a Zanzibar che spesso fanno parte dello stesso territorio della Tanzania. La più famosa è l’isola di Changuu, nota ai più anche come “Prison Island” per la prigione che è stata costruita in passato ed ora dismessa e inserita in un complesso museale. Qui si trova anche il suggestivo Santuario delle Tartarughe, che provengono dalle Seychelles (alcune di loro possono superare i duecento anni di vita).

Fra le spiagge da vedere assolutamente a Zanzibar c’è la meravigliosa Nakupenda Beach, che fa parte di uno dei tanti atolli vicini ed ha la particolarità di essere visibile solo con la bassa marea. Con l’alta marea, infatti, scompare fra le onde: proprio per questo, alcuni la chiamano anche “isola che non c’è”. Una vera magia!

Nella Foresta di Masingini è possibile prendere parte ad un’escursione fra scimmie rosse e babbuini, che vivono qui nel loro habitat naturale. La Foresta di Jozani, invece, è famosa per la distesa di mangrovie dove ammirare da vicino molti animali esotici e fare una passeggiata immersi nel verde.

Tramonto a Jambiani Beach, Zanzibar

Cosa serve per andare a Zanzibar?

Per andare a Zanzibar è necessario avere con sé il passaporto, meglio verificare che abbia una validità residua di almeno 6 mesi. Un altro documento che è consigliabile avere con sé è la patente, sia come riserva sul passaporto sia nel caso in cui decidessi di noleggiare un mezzo per esplorare l’isola.

Per quanto riguarda la moneta, qui vengono accettati sia euro che dollari, ma è consigliabile cambiare un po’ di soldi in moneta locale all’arrivo (scellini tanzaniani) perché è la moneta più conveniente per fare shopping. I locali cercheranno sempre di essere pagati con euro o dollari, mentre i turisti troveranno più vantaggioso non usarli.

Per andare a Zanzibar però occorre anche preparare una valigia adeguata: prima di tutto bisogna considerare le attività che si svolgeranno. Assolutamente da non dimenticarsi sono la crema solare 50 SPF (a prescindere che trascorrerai la vacanza in spiaggia o esplorando le foreste), una crema antizanzare, medicine di base (come antibiotici, antidiarroici, analgesici, disinfettante, cerotti e termometro) e i fermenti lattici.

Per quanto riguarda l’abbigliamento, a parte costumi e vestiti leggeri, è utile portarsi una maglia a manica lunga leggera (soprattutto durante le ore più calde, solo la crema solare potrebbe non bastare a prevenire indimenticabili scottature), un pantalone lungo (in alcune città per rispetto è meglio evitare i pantaloncini corti), scarpe comode, un cappello e scarpe di gomma per le passeggiate lungo la barriera corallina.

La ngalawa, tipica imbarcazione di Zanzibar

Quante ore di volo dall’Italia a Zanzibar?

Per raggiungere Zanzibar dall’Italia ci vogliono circa 12 ore di media (questa è la durata di un volo da Roma con scalo, ad esempio), ma molto dipende dall’aeroporto di partenza, dalla presenza di eventuali scali e dal tipo di volo (charter o di linea). Per tornare all’esempio di Roma, un volo diretto per Zanzibar dura circa 8 ore.

Il volo dall’aeroporto di Milano Malpensa, invece, con charter dura circa 8 ore per l’andata, mentre per il ritorno alcuni voli fanno scalo a Mombasa in Kenya allungando di un’ora il viaggio. Con gli aerei di linea potrebbero volerci 12/13 ore.

L’aeroporto di riferimento a Zanzibar è Kisauni (Abeid Amani Karume), a sud di Stone Town, dove arrivano tante compagnie aeree che propongono numerosi voli da e verso Zanzibar, come Emirates, Qatar Airways ed Ethiopian Airlines.

Vacanza a Zanzibar con bambini: cosa fare?

Zanzibar è una meta perfetta anche per le famiglie. I bambini rimarranno estasiati dai colori vivi di questa isola, possono divertirsi sia in un villaggio con animazione sia prendendo parte ad escursioni speciali nella natura.
Tra le attività che si possono fare con i più piccoli a Zanzibar ci sono:

• visita a Prison Island, a vedere le tartarughe giganti;
• escursione nella Jozani Forest, la giungla che ospita un gruppo di simpatiche scimmiette autoctone;
• mangiare al ristorante The Rock, uno dei più caratteristici del mondo, che sorge su una roccia in mezzo al mare;
• escursione a Paje Beach e Blue Lagoon con snorkeling.

Nella scelta della struttura, bisogna valutare invece la tipologia migliore per la propria famiglia:

• nella costa nord sono concentrati resort e grandi hotel di lusso, quindi è molto affollata;
• nella costa sud – est si possono ammirare splendide albe su lunghissime spiagge bianche da ogni genere di struttura ricettiva. Da queste zone è più facile raggiungere le destinazioni delle varie escursioni;
• la costa ovest è caratterizzata in prevalenza da rocce frastagliate rispetto alle spiagge di sabbia, per cui è un po’ meno turistica

Le acque cristalline di Zanzibar

Vacanze a Zanzibar: le offerte di Eurospin Viaggi

Dal momento che Zanzibar non si trova esattamente dietro l’angolo è importante partire organizzati. Soprattutto con i bambini, nulla può essere lasciato al caso ed occorre informarsi sulle zone migliori per tutti. Su Eurospin Viaggi, ad esempio, ci sono tanti pacchetti completi per una vacanza a Zanzibar, con i servizi più richiesti come piscina, servizio spiaggia e animazione.

Le offerte migliori per Zanzibar sono quelle per vacanze di 7 o 8 giorni e possono includere anche il volo, le tasse e l’assicurazione medica e/o quella per il bagaglio. Devi solo inserire le date e vedrai tante proposte diverse per budget di ogni tipo.

Pronto a partire per l’incantevole Zanzibar?

Potrebbe interessarti anche

I parchi nazionali italiani da non perdere

Scopri i 10 parchi nazionali in Italia più grandi e più…

Le 15 cascate più belle d’Italia

I luoghi più suggestivi, dove acqua e natura creano scenari…

Borghi italiani sul mare

I 15 più belli da visitare questa estate