Se si è alla ricerca di una vera oasi naturalistica da esplorare in famiglia non si può che prendere in considerazione l’Altopiano della Paganella, un piccolo paradiso montano magnificamente incorniciato dalle Dolomiti del Brenta. Si tratta di una delle destinazioni turistiche trentine più apprezzate dai genitori che viaggiano con i loro piccoli al seguito, incastonata tra la Valle dell’Adige e il Parco Naturale Adamello-Brenta. 

Mentre la vetta più alta del gruppo montuoso della Paganella, la Roda, raggiunge quota 2.125 metri, i comuni che fanno parte dell’Altopiano della Paganella si trovano a un’altitudine media compresa tra gli 800 e 1.100 metri: Andalo, Molveno, Fai della Paganella, Cavedago e Spormaggiore sono i principali centri turistici della zona e sono divenuti celebri per la loro offerta culturale e paesaggistica.

Le opportunità di praticare sport all’aria aperta ed entrare in stretto contatto con la natura fanno di questi territori un vero sogno ad occhi aperti sia per i piccoli viaggiatori che per i più grandi: le avventure più indimenticabili qui sono a portata di mano. Ma cosa vedere e cosa fare in questi panorami sospesi tra alte vette e verdeggianti pascoli? 

Visitare l’Altopiano della Paganella in estate

Una vacanza estiva sull’ Altopiano di Fai della Paganella è l’occasione ideale per scoprire il perfetto connubio che queste zone sanno creare tra modernità, tradizioni millenarie e panorami naturali mozzafiato e, durante l’estate, non esiste niente di meglio che scoprire l’altopiano attraverso lunghe passeggiate nel verde.

Fare trekking sull’Altopiano della Paganella significa immergersi tra prati e boschi dall’atmosfera incantata ed entrare in contatto con i suoi protagonisti: una fauna ricca di incontri emozionanti, scenari da favola, rifugi dediti all’accoglienza più genuina e malghe pronte a mostrare il meglio delle succulente tipicità enogastronomiche della regione.

Sono numerosi i sentieri praticabili anche a fondovalle e pressoché infinite le possibilità di scelta offerte dalla rete di sentieri che collegano i diversi villaggi della zona. Imperdibili, ad esempio, il tour attorno al Lago di Molveno, una passeggiata facile e alla portata di tutta la famiglia, oppure il sentiero che da Andalo porta verso il Maso Pegorar.

Ma gli impianti di risalita, che in inverno fanno la gioia degli appassionati di sport sulla neve, fungono anche da alleato per chi desidera avventurarsi in escursioni in quota, leggermente più impegnative. Partendo ad esempio da Fai della Paganella, da Andalo o da Molveno si possono raggiungere le cime più suggestive di questo angolo di Trentino-Alto Adige, come la Cima Paganella o l’incantevole l’Altopiano del Pradel.

Anche chi ama muoversi sulle due ruote verrà qui accontentato. Sono diverse, infatti, le piste ciclabili percorribili senza difficoltà in famiglia e il Dolomiti Paganella Bike è un enorme bike park che vanta oltre 400 chilometri di piste da MTB per ogni livello di preparazione: imperdibile soprattutto per chi si sposta con ragazzi più grandicelli che da una vacanza pretendono prima di tutto il divertimento. 

Ma non finisce qui: ovviamente non mancano sulla Paganella ottimi maneggi che regalano la possibilità di gite a cavallo, sia all’interno di aree sicure, per i più piccini, sia tra i boschi delle Dolomiti.

Lago di Molveno

Attività indimenticabili in famiglia

L’incontro con la cultura dell’accoglienza che caratterizza queste aree è capace di stregare, tanto quanto l’opportunità di conoscere da vicino gli animali che popolano questi territori incontaminati. Per i piccoli esploratori è sempre un’emozione unica poter osservare gli animali del bosco nel loro habitat naturale e anche i piccoli amici che abitano le molte fattorie didattiche: le loro porte sono sempre aperte per le famiglie in viaggio.

Il Parco Faunistico di Spormaggiore, ad esempio, permette di addentrarsi in un’oasi ricca di orsi, linci, lupi e lontre, mentre le numerose malghe, come Malga Tovre, Malga Terlaga, malga Spora o Malga Zambana, offrono una full-immersion nella vita della comunità dell’altopiano e percorsi che regalano ai bambini un’avvincente panoramica sulle modalità di coltivazione e allevamento e sulla realizzazione dei prodotti tradizionali della montagna.

I mercatini biologici, gli incontri con i contadini e le degustazioni di tipicità gastronomiche completano il quadro delle esperienze da non perdere. Inoltre sull’Altopiano della Paganella, Andalo, Molveno, Fai e gli altri comuni racchiudono secoli di storia e arte, tutti da scoprire.

L’Altopiano della Paganella e i suoi impianti sciistici

Durante la stagione invernale è la Skiarea Paganella ad essere l’attrazione principale della zona, con i suoi numerosi impianti di risalita e le piste che si adattano ad ogni tipo di preparazione sportiva. Oltre a garantire chilometri di discese curate dove scivolare sulla candida neve, la skiarea della Paganella vanta la presenza anche di molti campi scuola, ideali per chi desidera iniziare a muovere i primi passi sugli sci. Sono diversi anche i parchi gioco attrezzati per i più piccoli, come ad esempio il Kids Gaggia Park, dove è possibile noleggiare gommoni per divertirsi sulla neve insieme a mamma e papà.

Da non perdere anche il Baby Park Dosson, in località Pian Dosson e il Paganella Fun Park, un parco divertimenti davvero completo, proprio nel cuore di Fai della Paganella, che include piste per la discesa in bob e snowtubing e piste baby dove i piccoli ospiti possono indossare per la prima volta gli sci o, perché no, uno snowboard.

Come raggiungere l’Altopiano della Paganella

La Paganella è davvero semplice da raggiungere. Per chi proviene da sud, è sufficiente imboccare l’autostrada A22 e prendere l’uscita Trento Nord, per proseguire poi lungo la SP 235 seguendo le indicazioni per Altopiano della Paganella.  Chi proviene da nord invece, sempre lungo l’autostrada A22, deve scegliere l’uscita S. Michele all’Adige/Mezzocorona e seguire la SS 43 fino a raggiungere e attraversare il paese di Mezzolombardo, per poi proseguire verso il comune di destinazione selezionato per la vacanza.

È possibile raggiungere l’Altopiano della Paganella anche sfruttando le ferrovie, arrivando a Trento e utilizzando poi e le linee di Trenitalia e Italo Treno, oltre che i numerosi servizi di collegamento via autobus della zona. Insomma, l’Altopiano della Paganella è un’esperienza davvero a portata di mano, dove i bambini sono i veri protagonisti.

Potrebbe interessarti anche

Valle Isarco per bambini

Alla scoperta di questa bellissima valle altoatesina con…

Val Senales per bambini

Alla scoperta di questa bellissima valle altoatesina con…

Montagna in Valle d’Aosta per bambini

Idee e mete per una vacanza in montagna con i bambini