Il viaggio nel viaggio: dove il percorso per raggiungere la meta è parte di un'esperienza unica da assaporare in ogni aspetto e vivere istante dopo istante. Tutto ciò è possibile scegliendo di muoversi a bordo di uno dei 7 treni panoramici che attraversano l’Italia.

Seduto/a comodamente su convogli storici o su mezzi più moderni, con lo sguardo perso tra i paesaggi che cambiano, potrai andare alla scoperta di luoghi iconici e paesi idilliaci. Un modo di viaggiare totalmente diverso da quello su strada e su mezzi quali auto e moto, inoltre non dimenticare che il treno è uno dei modi più ecologicamente sostenibili per viaggiare.

Ecco quindi una selezione dei migliori angoli di paradiso tutti italiani da scoprire a bordo di un treno.

Trenino del Bernina:

per toccare il cielo con un dito

Raggiungi quota 2.256 metri grazie al suggestivo trenino rosso del Bernina, così soprannominato per il colore fiammante dei suoi vagoni. Passando tra montagne, paesini storici e ghiacciai, questa linea ferroviaria, patrimonio mondiale dell’Unesco dal 2008, da più di 100 anni collega in tre ore Tirano, in provincia di Sondrio, a St. Moritz, la rinomata località Svizzera. Con un mezzo di trasporto comodo e dal design antico, caldo d’inverno e con carrozze cabrio all’aperto in estate, potrai goderti un viaggio affascinante e gustare una ricca varietà di scorci mozzafiato disseminati lungo tutto il percorso. In estate si attraversano vasti pascoli erbosi tra le montagne, mentre in inverno si possono ammirare le grandi distese di neve, il tutto accompagnati da un’audioguida in quattro lingue, che illustra le meraviglie di questi fantastici luoghi.

Cinque Terre Express

Se stai pensando di visitare le Cinque Terre, sappi che non c’è modo migliore che farlo con un viaggio a bordo di un treno regionale. Potrai spostarti comodamente, senza preoccuparti del traffico o dei parcheggi, per scoprire la meraviglia di questi territori, Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, e per lasciarti incantare dalla bellezza del Mar Ligure. La tratta ferroviaria attraversa il Parco Cinque Terre, da Levanto a La Spezia, passando per i cinque comuni di Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore, ed offre fino a 99 treni al giorno, 7 giorni su 7, ogni 15 minuti. Sarà possibile raggiungere i principali punti di attrazione della costa ligure, con i suoi borghi a picco sul mare, le sue coste frastagliate e le sue spiagge incontaminate.

Treno del Foliage

Un’altra tratta ferroviaria che collega l’Italia, in particolare il Piemonte, alla Svizzera è quella Vigezzina-Centovalli, che in due ore percorre un tragitto di 52 chilometri, 83 ponti e 31 gallerie, per arrivare da Domodossola a Locarno attraverso un’esperienza rigenerante, adatta anche a chi viaggia con i bambini. Spostarsi a bordo del treno del Foliage, soprattutto in autunno, è come scorrere su rotaia all’interno di un quadro multicolore. Si attraversa la Valle Vigezzo, conosciuta anche come la Valle dei Pittori per gli spettacolari colori che caratterizzano i boschi, si ammirano case in pietra e vigneti, vedute sorprendenti e scorci fiabeschi. Partendo dalla stazione di Domodossola, la prima tappa è il bellissimo borgo di Santa Maria Maggiore, a 836 metri, punto più alto dell’intera tratta che scende poi verso Locarno attraversando montagne e laghi. Per chi desidera, inoltre, vivere l’esperienza in modo più “slow” e assaporare a fondo l’atmosfera di questi luoghi, si può sostare per una notte in uno dei bellissimi borghi lungo il percorso e riprendere il viaggio il giorno successivo.

Ferrovia Adriatica

nelle Marche

È possibile viaggiare in treno non solo tra montagne, colline e laghi, ma anche per raggiungere località di mare ammirando viste mozzafiato. La ferrovia Adriatica in 40 minuti collega le città di Ancona e San Benedetto del Tronto, nelle Marche, ed offre uno spettacolare viaggio vista mare. I treni di questa tratta percorrono infatti la costa a pochi metri dal mare Adriatico e consentono ai viaggiatori di godere di una vista unica, offrendo sin dalle prime ore della mattina la possibilità di ammirare l’alba all’orizzonte. Cosa c’è di meglio che godersi un viaggio in treno con una favolosa vista sul mare italiano?

Treno a vapore

da Grosseto a Siena

La ferrovia della Val d’Orcia, che collega Grosseto a Siena, offre la possibilità di vivere un’esperienza unica, ossia quella di viaggiare all’interno di un treno storico, con locomotiva a vapore e carrozze degli anni ‘30. La tratta solitamente è di sola andata e per il rientro a Grosseto è previsto un bus. Il programma di viaggio prevede la partenza da Grosseto, dalla stazione di piazza Marconi: qui i viaggiatori possono assistere alla manovra di messa in funzione di questa storica locomotiva prima di salire a bordo e partire per il loro originale tour. Ci si dirige poi verso Monte Antico e Asciano, attraverso il Parco della Val d’Orcia, le zone di produzione del Brunello di Montalcino e le Crete Senesi, per arrivare infine a Siena.
Solitamente questo treno viene messo in funzione in occasione di feste locali, come la Festa dell’Olio Novo per dare la possibilità ai viaggiatori di farvi tappa e partecipare ad una delle numerose sagre locali.

Collegamento Puglia Basilicata

Se non avete fretta e vi piace assaporare tutto il percorso che vi porterà alla vostra destinazione, da non perdere è la tratta delle Ferrovie Appulo Lucane che collega la Puglia con la Basilicata, in particolare Bari e Matera, passando per Altamura. Partendo dalla stazione di Piazza Moro di Bari il treno percorrere una prima tratta pianeggiante ai confini del Parco Nazionale dell’Alta Murgia ed è possibile sin dall’inizio ammirare delle bellezze paesaggistiche di queste regioni: le distese di creste rocciose, le colline, i pascoli e i boschi. L’ambiente qui è caratterizzato da paesaggi di campagna ed è decisamente molto suggestivo: in primavera è addirittura possibile ammirare in queste zone la straordinaria fioritura delle orchidee selvatiche. Passando per Altamura, si giunge infine nel cuore di Matera, la famosa Città dei Sassi, la cui stazione, dopo lavori di ammodernamento, è stata riaperta ed inaugurata nel 2019. Insomma, una tratta per ammirare a pieno le bellezze naturali di due rinomate regioni italiane.

La Transiberiana italiana

da Sulmona a Isernia

La cosiddetta “transiberiana d’Italia” è così chiamata per via delle abbondanti nevicate che nel periodo invernale la fanno somigliare alla vera transiberiana russa. É la tratta che unisce a bassa velocità Abruzzo e Molise e più in particolare le città di Sulmona e Isernia. Viaggiare a bordo di un convoglio con carrozze realizzate tra gli anni ‘20 e ‘30 è un’esperienza unica ed affascinante, che stuzzica le emozioni anche dei meno romantici. La sensazione è un po’ quella di vivere un documentario dal vivo, osservando le immagini che scorrono dal finestrino. Mentre si attraversano ponticelli, acquedotti e cavalcavia è infatti possibile a bordo del treno ascoltare la descrizione geografica del territorio che si attraversa, oppure abbandonarsi ad una piacevole musica in grado di rendere il tutto ancora più suggestivo. Questa linea ferroviaria, inaugurata nel lontano 1897, è rinomata non solo per la sua alta valenza turistica, ma anche per le caratteristiche tecniche che ne fanno un capolavoro di ingegneria ferroviaria. Non ti resta che scegliere il pacchetto viaggio che fa per te, decidendo tra un’ampia selezione di località nelle quali pernottare e personalizzando il tour con attività sportive o succulenti percorsi enogastronomici.

Buon viaggio!

Potrebbe interessarti anche

Posti abbandonati da visitare

È la riviera più famosa d’Italia per la sua ampia offerta…

Piatti tipici pugliesi: 16 specialità da provare

Dal salato al dolce, ecco le specialità regionali che non…

I piatti tipici del Trentino-Alto Adige

10 specialità della cucina del Trentino-Alto Adige da…